Provinciale Macerata
Iscriviti al feed RSS

Post da tutta la provincia

Post casuali

Tag

III Forum Regionale Giovani Avis Marche

AVIS: Provinciale Macerata Autore: Serena Maraviglia

Locandina

L'Avis Regionale Marche ha eletto a sede del prossimo Forum Regionale dei Giovani la città di Camerino, in virtù del recente protocollo d'intesa con l'Università degli Studi di Camerino.

La Sala della Muta del Palazzo Ducale ospiterà i vari interventi e lavori di gruppo incentrati sul tema "Nutrire il pianeta": questo il leit motiv del 2015 che vede il grande evento dell’EXPO alle porte. 

La Consulta Giovani Avis Marche risponde a quest’appello ponendo l’attenzione sul ‘nutrire noi stessi’ e su quanto l’alimentazione e il viver sano siano interconnessi con la salute del donatore di sangue. Il donatore è, infatti, il fulcro degli aspetti che s’intendono affrontare nel corso di due giorni ricchi di spunti, riflessioni, formazione e informazioni con l’obiettivo di tornare a casa con strumenti operativi utili ai volontari stessi nonché di facile utilizzo nelle numerosissime occasioni di sensibilizzazione proprie della vita associativa. 

Com’è noto il donatore di sangue deve trovarsi in condizioni di buona salute per poter effettuare la donazione, questo è il principio cardine che pone l’attenzione proprio nel tutelare in primis la salute del donatore.  Abbiamo voluto analizzare tutti gli aspetti legati ad esso che siano in stretta relazione con l’alimentazione e le buone abitudini del viver sano. Si apre, così, un viaggio conoscitivo che parte dalla stretta connessione tra cibo, buone abitudini e donazione, passando per le abitudini e tradizioni alimentari, gli abusi alimentari per finire con le scelte e mode del momento dell’alimentazione di oggigiorno.

Tutti i giovani donatori interessati a partecipare possono contattare la propria Avis Comunale per richiedere l'iscrizione al forum, entro il 4 maggio.

Tag: AVIS, Forum, giovani, salute, alimentazione, EXPO, università

Collaborazione Unicam - Avis

AVIS: Provinciale Macerata Autore: Serena Maraviglia

Avis e unicam 4

L’Avis sarà sempre più attiva a Camerino dove ieri mattina è stato firmato un protocollo di intesa tra l’ateneo e l’associazione dei donatori del sangue. 

Il testimonial scelto sarà Flavio Corradini, rettore di Unicam, che così ha commentato l’iniziativa: «A 18 anni avrei voluto donare il sangue, ma avevo la pressione troppo bassa. Chissà dopo quattro anni da rettore il livello si è alzato e posso farlo, prenotatemi una visita. I giovani osservano e ci prendono ad esempio, voglio parlare loro dell’Avis al prossimo consiglio degli studenti. Da quando ho ripreso a fare palestra, c’è stato un forte aumento della loro presenza nelle palestre».  

L’accordo firmato stamane prevede una forte collaborazione tra l’ateneo e l’Avis Provinciale, a partire da una serie di eventi, attività di formazione per i donatori, iniziative per far conoscere l’associazione e dare vita ad un gruppo attivo di studenti donatori, dentro l’università.

 «C’è un forte turnover per cui è più difficile far conoscere l’Avis all’interno delle università – ha detto Eleonora Tramannoni dei Giovani Avis Marche – ma gli studenti possono subito diventare donatori, a differenza dei ragazzi della scuola primaria e superiore. Io faccio parte dell’Avis da cinque anni ed è stata una bellissima esperienza. L’Avis è trasversale a tutto, va oltre il colore politico, contano soltanto la cultura della solidarietà e della donazione». 

«Noi possiamo dare ai giovani percorsi e valori di vita che li arricchiscono a livello morale» ha spiegato Silvano Gironacci presidente dell’Avis Provinciale. 

«Il messaggio dell’Avis è fondamentale per i giovani sempre più disorientati, che grazie all’associazione possono fare molto per gli altri» ha spiegato la docente Unicam e donatrice Avis Elisabetta Torregiani

Il primo evento frutto di questa collaborazione si terrà a maggio a Camerino, durante la Corsa alla Spada, un convegno per approfondire il tema dell’alimentazione, legato all’Expo, a cui parteciperanno gli studenti. 

Corradini ha proposto all’Avis di avere una piccola sede all’interno dell’ateneo e di creare un tavolo sociale tra le diverse associazioni di volontariato che collaborano con Unicam, per realizzare iniziative comuni, con Save the children prossima alla firma di un accordo di collaborazione, Lilt, associazione Carlo Urbani, Action Aid e Amnesty international e le altre che vorranno farne parte.

(fonte: cronachemaceratesi.it)

Tag: AVIS, università, giovani, alimentazione